• chiarapesentiagost

Di vento.

Quando arriva te ne accorgi all’improvviso, mentre sei occupato a fare una cosa qualunque. Guardi i cedri del Libano dietro le cancellate Liberty del viale della Gloria, che si inchinano gli uni agli altri, come vecchi gentiluomini, e sai che sarà una giornata di vento. L’aria passa a ridosso dei muri; si fa strada tra le viuzze che collegano le due basiliche; solleva una cartaccia portandola in alto, a compiere un mezzo giro intorno a un lampione. Uno dei portoni di Santa Maria sbatte all’improvviso, spinto da una forza che si è fatta strada attraverso le panche di legno invecchiato, sibila, uscendo dallo spiraglio che all’improvviso si è chiuso, proprio mentre una vecchia stava per entrare. La forza del vento la fa barcollare per un istante, fragile com’è, ma subito si afferra alla maniglia e sparisce all’interno. Mi sarebbe piaciuto vederla sollevarsi da terra, e compiere un mezzo giro intorno a un lampione, prima.


931 battute Cond


1 visualizzazione0 commenti

Post recenti

Mostra tutti